Madri in legge anonime: un posto per esprimere le tue frustrazioni

Aggiornato il 21 novembre 2021

Ti capita mai di vedere amici tuoi che hanno relazioni meravigliose con le loro nuore e ti chiedi: “Come diavolo funziona?” Per qualche motivo, il rapporto madre/ nuora è spesso pieno di problemi, da piccoli disaccordi a grandi differenze di personalità.

Famiglia allargataFonte: unsplash.com

Le relazioni con i suoceri sono complesse

Se state lottando con la vostra relazione con vostra nuora, non siete soli. Il settantacinque per cento delle coppie riferisce di avere problemi con un parente acquisito. Ma con un piccolo sforzo (e a volte l’aiuto di un professionista), questo rapporto può essere migliorato. Non dovete necessariamente essere i migliori amici, ma è importante avere un rapporto civile e sano. Sono disponibili diverse risorse che possono fornirti l’aiuto di cui hai bisogno per navigare in questo complesso rapporto, dai gruppi di supporto alla psicoterapia online.

Navigare il tuo rapporto

I rapporti di convivenza possono essere difficili da gestire. Come madre, vedere vostro figlio che si sposa e mette su famiglia può essere un’occasione di gioia, ma possono verificarsi differenze di opinione. È naturale avere sentimenti contrastanti o addirittura preoccuparsi di essere sostituiti. Potreste preoccuparvi di non essere così vicine a vostro figlio come lo siete state in passato. È importante riconoscere che i vostri sentimenti sono naturali, ma i vostri sentimenti non sono fatti. Potete abbracciare i cambiamenti nella sua vita e accogliere un nuovo membro della vostra famiglia. Non farete tutto allo stesso modo, ma dovete stare attenti a chi vi lamentate perché potrebbe tornare a vostro figlio, o peggio ancora a vostra nuora, e iniziare una discussione.

Avere queste tensioni nelle relazioni può essere stressante e malsano. È garantito che vostro figlio senta lo stress di trovarsi in mezzo a due persone che ama, e questo può avere un impatto negativo su come interagisce con voi. È importante cercare di trovare una soluzione se una dinamica familiare tossica dei suoceri sta avendo un impatto negativo sulla vostra vita. Porre dei limiti sani e cercare di vedere le cose da una prospettiva più compassionevole sono buoni modi per fare progressi.

Confini

Ecco alcuni esempi utili per porre dei limiti sani con vostro figlio e vostra nuora.

  • Evitate di chiedere a vostro figlio di discutere delle difficoltà del suo matrimonio. Naturalmente volete sostenerlo, ma se vi usa troppo come cassa di risonanza, diventate troppo coinvolti nei naturali contrasti tra la coppia, ed è più difficile allearsi con vostra nuora.
  • Non aspettatevi che passino una certa quantità di tempo con voi. Invitateli alle cose, ma rendetevi conto che devono lavorare per crearsi una vita propria.
  • Non date consigli non richiesti, ma siate presenti con consigli onesti se vi viene chiesto aiuto.
  • Riconoscete che il vostro modo non è l’unico modo quando si tratta di risolvere problemi di relazione, crescere i figli, ecc. Il partner di vostro figlio potrebbe aver avuto un’infanzia ed esperienze familiari completamente diverse, e dovrà capire come “sposare” le due prospettive.
  • Invitare, non insistere. In passato, avreste potuto imporre che “la cena del Ringraziamento è a casa nostra a mezzogiorno”. Tenete a mente che le vostre tradizioni cambieranno man mano che la vostra famiglia cresce, e che la coppia sta cercando di trovare tempo per l’altro, così come per i genitori dell’altro. Invece, dite: “Mi piacerebbe avervi entrambi per il Ringraziamento. Pensate di poterlo fare?”.

TerapiaFonte: unsplash.com

D’altra parte, se sentite che la coppia vi sta chiedendo troppo quando si tratta di soldi, assistenza ai bambini, o altre richieste, date solo quando potete. Se la richiesta è troppo per voi, ditelo. Qualcosa come: “Vorrei aiutarvi e questo è quello che posso fare per voi…” potrebbe funzionare. Soprattutto, non sentitevi in colpa per dare la priorità alla cura di voi stessi. Se vostro figlio e vostra nuora vogliono dei limiti sani, dovrebbero essere in grado di rispettare anche i vostri.

Gruppi di sostegno

Se non c’è nessuno nella vostra cerchia immediata con cui potete discutere di questi problemi senza oltrepassare i limiti, allora un’opzione è quella di trovare un gruppo di sostegno (e la psicoterapia è un’altra). I gruppi di sostegno come Parents Anonymous sono pensati per le famiglie, permettendo ai genitori di discutere i numerosi problemi che stanno affrontando, sia che i loro figli siano neonati o sposati con figli propri. Questi gruppi si incontrano settimanalmente e si può partecipare per tutto il tempo che si desidera.

L’obiettivo di questo gruppo di sostegno è quello di dare potere e ispirazione ai genitori, aiutandoli a fare cambiamenti duraturi nelle loro relazioni con i figli. Attraverso questo gruppo, puoi espandere la tua rete di supporto, conoscere le risorse della comunità e imparare ad assumere un ruolo di leadership significativo nella tua famiglia. In altre parole, attraverso questo gruppo di sostegno, potete trovare il supporto di cui avete bisogno per capire la vostra relazione con vostra nuora o genero in modo da poter lavorare per migliorarla.

Altri modi per migliorare il vostro rapporto

Anche se i gruppi di sostegno possono essere utili, non sono l’unica risposta. Alcuni piccoli cambiamenti nel vostro comportamento possono preparare il terreno per migliorare il rapporto con vostra nuora e vostro figlio.

Non criticare

Anche se non siete d’accordo con il modo in cui vostra nuora fa le cose, non criticatela, soprattutto davanti a lei o a vostro figlio. Questo può far sembrare che non la sostenete e sarà meno probabile che in futuro venga a chiedervi aiuto o consiglio.

Incoraggiate vostro figlio a parlare direttamente con sua moglie

Può essere facile per vostro figlio usarvi come cassa di risonanza per i problemi o le frustrazioni con sua moglie, ma questo vi rende anche facile oltrepassare i vostri limiti. Anche se è importante essere di supporto e incoraggiamento, suggeritegli di parlare con sua moglie di come si sente, in modo che possano lavorare insieme per risolvere il problema.

Non date consigli non richiesti

Anche se potreste avere un’opinione su come si fanno le cose, trattenete i vostri consigli finché non vi viene chiesto. Questo darà a vostro figlio e a vostra nuora lo spazio per trovare il loro modo di fare le cose.

Andate a trovarli quando è conveniente per loro

Per quanto sia allettante, non passate da loro. Chiedete invece a vostro figlio e vostra nuora quando è conveniente per loro una visita. Stanno cercando di costruire la loro famiglia e la loro casa, ed è importante dar loro lo spazioper farlo.

Siate pazienti

Le relazioni non nascono dall’oggi al domani, e la vostra relazione con vostra nuora non è diversa. Concedetevi abbastanza tempo per conoscervi e per lavorare su eventuali problemi derivanti da conflitti precedenti.


Questa pagina è stata verificata

I nostri contenuti superano un processo di revisione in tre fasi.

Scrittura

Ogni articolo viene scritto o esaminato da uno psicoterapeuta prima di essere pubblicato.

Controllo

Ogni articolo contiene una bibliografia con le fonti citate, per permettere di verificare il contenuto.

Chiarezza

Ogni articolo è rivisto dal punto di vista stilistico, per agevolare la lettura e la comprensione.

Revisori

reviewer

Dott. Raffaele Avico

Psicoterapeuta, psicotraumatologo e terapista certificato EMDR I

Ordine degli Psicologi del Piemonte num. 5822

Psicoterapeuta, psicotraumatologo e terapista EMDR. È membro della ESDT (European Society for Trauma and Dissociation) e socio AISTED (Associazione italiana per lo studio del trauma e della dissociazione).

reviewer

Dott. Rosario Urbani

Psicoterapeuta specializzato in cognitivo comportamentale

Ordine degli Psicologi della Campania num. 6653/A

Laureato in Neuroscienze presso la Seconda Università di Napoli. Specializzato presso l’istituto Skinner in psicoterapia cognitivo comportamentale. Analista del comportamento ABA e specializzato anche nella tecnica terapeutica dell'EMDR.

reviewer

Dott.ssa Maria Vallillo

Psicoterapeuta specialista in Lifespan Developmental Psychology

Ordine degli Psicologi del Lazio num. 25732

Laurea in Psicologia presso l'Università degli Studi di Chieti. Specializzazione in psicoterapia e psicologia del ciclo di vita presso l’Università la Sapienza di Roma. Esperta in neuropsicologia e psicodiagnostica e perfezionata in psico-oncologia.