Differenze tra memoria prospettica e retrospettiva

Aggiornato il 24 settembre 2021

Ragazza che sorrideFonte: unsplash.com

Ci sono molti tipi diversi di memoria, alcuni dei quali si sovrappongono l’uno all’altro. Oltre alle categorie tipiche di memoria sensoriale, memoria a breve termine e memoria a lungo termine, ci sono molte altre sottocategorie di memoria.

I due tipi di memoria sono nettamente diversi ma collegati: la memoria prospettica si basa in parte sulle caratteristiche di funzionamento della memoria retrospettiva.Entrambi i tipi di memoria potrebbero essere affiancati dalla memoria a lungo termine, anche se la memoria a breve termine ha un ruolo nella memoria prospettica. I due tipi di memoria differiscono per le aree del cervello che controllano la loro funzione e per le aree interessate dall’invecchiamento e da alcuni disturbi della memoria.

Cos’è la memoria prospettica

La memoria prospettica è la memoria di qualcosa che deve essere fatto in futuro; è il tipo di memoria responsabile del ricordo di un evento programmato o di un’intenzione in un momento futuro; la memoria prospettica viene usata spesso nel corso della giornata; è uno dei tipi di memoria più funzionali e più usati, e i difetti della memoria prospettica possono essere particolarmente devastanti e frustranti.

Memoria prospettica basata sul tempo

La memoria prospettica basata sul tempo è il tipo di memoria che si usa quando si vuole fare qualcosa in un determinato momento nel futuro. Questo tipo di memoria prospettica è di solito la prima a fallire nei disturbi della memoria, richiede attenzione e raccoglimento del tempo ed è quindi più difficile da ricordare.

Memoria prospettica basata sugli eventi

La memoria prospettica basata sugli eventi è il tipo di memoria che usi quando vuoi fare qualcosa in futuro e ti viene ricordato da un evento. Può essere un evento pianificato, come andare a mangiare un pasto, o può essere un evento non pianificato, come vedere la casella di posta elettronica e ricordarti di una lettera.

Esempi di memoria prospettica

Ci sono molti esempi di memoria prospettica che usi ogni giorno.Ogni volta che hai un evento pianificato per il futuro, stai usando la tua memoria prospettica.La maggior parte delle persone, questa viene usata abbastanza frequentemente.Alcuni esempi di memoria prospettica includono:

Mani che scrivono su tastiera e a pennaFonte: unsplash.com

  • Ricordare di guardare una partita di sport alle 15 del sabato successivo
  • Ricordare la nomina di un medico a un’ora specifica in un giorno specifico
  • Ricordarsi di scrivere una lettera quando si apre la casella di posta elettronica
  • Ricordarsi di spazzolare i denti prima di andare a letto
  • Ricordarsi di prendere le medicine con il pasto
  • Ricordarsi di inviare una mail mentre si controlla la posta al lavoro o a scuola
  • Ricordarsi di eseguire un compito specifico al lavoro che si rimanda a dopo

Cos’è la memoria retrospettiva

La memoria retrospettiva è la memoria a lungo termine di persone, parole ed eventi accaduti nel passato. La memoria retrospettiva costituisce la maggior parte della tua memoria a lungo termine.Ci sono diversi tipi di memoria retrospettiva.Quando si verifica una perdita di memoria, la memoria retrospettiva è di solito difficile, ma può essere frustrante perdere la memoria retrospettiva perché, pur essendo frustrante, il più delle volte non influisce sulla qualità della vita.

Memoria episodica

La memoria episodica è il ricordo delle cose che hai fatto e che sono accadute nel corso della tua vita. La memoria episodica include la memoria autobiografica, come il ricordo del tuo giorno di vestizione. La memoria episodica è anche responsabile per essere in grado di ricordare cosa hai mangiato a colazione la mattina o ricordare l’apertura del pacco che hai ricevuto per posta.

Memoria semantica

La memoria semantica è la memoria dei fatti e delle conoscenze che avete appreso nel corso della vostra vita. Quando vi ricordate di essere seduti in classe e che il vostro professore vi ha detto qualcosa di specifico sull’argomento, questa è la memoria episodica, ma quando non avete necessariamente acquisito l’informazione, ma solo l’informazione stessa, questa è la memoria semantica: per esempio, conoscere tutte le principali capitali statali è la memoria semantica.

Memoria procedurale

La memoria procedurale è la memoria del modo di fare le cose, è automatica e non richiede un richiamo specifico. La memoria procedurale è responsabile di permetterti di ricordare come camminare, parlare, correre, saltare, andare in bicicletta e guidare l’auto.

Esempi di memoria retrospettiva

Ci sono molti esempi di memoria retrospettiva di tutti i tipi e alcuni dei più comuni esempi di memoria retrospettiva:

Ragazza in biciclettaFonte: unsplash.com

  • Ricordare il giorno del tuo matrimonio
  • Ricordare la nascita di un bambino
  • Ricordare che la capitale degli Stati Uniti è Washington DC e che è diversa dallo stato di Washington
  • Ricordare come andare in bicicletta quando non si va in bicicletta da molti anni
  • Ricordare come si guida un’auto
  • Ricordare come si mangia con forchetta e coltello

Parti del cervello

Una delle grandi differenze tra la memoria prospettica e la memoria retrospettiva è che utilizzano parti diverse del cervello per funzionare. Anche se c’è qualche sovrapposizione, in primo luogo i due tipi di memoria utilizzano parti completamente diverse del cervello per funzionare.Pertanto, alcune lesioni cerebrali influiscono sulla memoria prospettica ma non sulla memoria retrospettiva, e viceversa.

Memoria prospettica

La memoria prospettica fa uso del lobo frontale, del lobo parietale e del sistema limbico per ricordare l’esecuzione di compiti futuri. Il lobo frontale è importante perché è necessaria una certa quantità di memoria episodica ed emantica per ricordare l’esecuzione di un compito e l’esecuzione del compito stesso.

In particolare, la corteccia prefrontale è direttamente coinvolta nel ricordare la memoria prospettica basata sull’evento, è responsabile di mantenere il ricordo dell’intenzione e di reprimere i pensieri contrastanti, mentre gli studi hanno dimostrato che la corteccia prefrontale non è così importante nella memoria prospettica basata sul tempo.

Il lobo parietale è responsabile per il riconoscimento dei pensieri che sono destinati a qualcosa in futuro, specialmente quando i pensieri sono visivi o spaziali.Il quadrante parietale non è così importante per ricordare i compiti di memoria prospettica basati sul tempo, ma viene usato principalmente per ricordare i compiti di memoria prospettica basati sugli eventi: quando si ricorda una lettera di posta elettronica perché si è aperta la casella di posta, questo è un esempio del lavoro del quadrante parietale.

La corteccia cerebrale inferiore è tuttavia utilizzata nella memoria prospettica basata sul tempo e gli studi hanno dimostrato che i pazienti con danni a questa parte del cervello non sono in grado di tracciare il tempo in modo efficace in compiti di memoria prospettica basata sul tempo.

Il sistema limbico è composto dalle parti più primitive del cervello, tra cui l’ippocampo, il talamo e ilcingolato anteriore e posteriore. Queste parti del cervello sono importanti per la memoria prospettica perché permettono di creare e ricordare le intenzioni. Il talamo si attiva quando gli indizi vengono riconosciuti e messi in atto durante i compiti di memoria prospettica.

Memoria retrospettiva

La memoria retrospettiva si basa in gran parte sull’ippocampo e sul talamo, così come sulla corteccia prefrontale; tuttavia, la memoria retrospettiva si basa anche sul globo temporale mediale, che è importante per la creazione e la conservazione di nuovi ricordi; anche l’amigdala è molto importante per la memoria retrospettiva.

Gli effetti dell’invecchiamento

L’invecchiamento è un normale effetto di degradazione della memoria e si può supporre che l’invecchiamento abbia un ruolo nel fallimento della memoria di entrambi i tipi di proiezione e retrospettiva, ma alcuni studi hanno dimostrato che non è così.Quando i soggetti giovani e anziani sono stati sottoposti a test per la memoria sia proiettiva che retrospettiva, hanno scoperto che l’età non ha giocato un ruolo importante nella capacità di completare compiti di memoria retrospettiva, mentre l’età ha giocato un ruolo maggiore nella capacità di ricordare cose con la memoria retrospettiva.

Effetti dell’Alzheimer

La ricerca sull’Alzheimer è costantemente in corso e porta ogni giorno a nuove scoperte sulla malattia. La malattia di Alzheimer colpisce un’ampia percentuale della popolazione e provoca nel tempo un’estrema perdita di memoria.

Uno studio ha riscontrato che la memoria prospettica e retrospettiva erano entrambe colpite dall’Alzheimer e che la malattia colpisce in egual misura tutti i tipi di memoria, ma la perdita di memoria prospettica non è la prima che viene riportata nei pazienti con Alzheimer.

Capacità di recuperare la memoria

La perdita di memoria retrospettiva è molto spesso permanente, a seconda delle circostanze del deficit. Tuttavia, nuovi studi hanno dimostrato che la memoria retrospettiva può essere allenata e riportata a un uso piuttosto normale nei pazienti con Alzheimer.Il nuovo studio ha seguito un gruppo di pazienti con Alzheimer e li ha addestrati con diversi metodi a memorizzare e completare i compiti di memoria prospettica.

Ottenere aiuto con la memoria

Se ti sei accorto che tu o la tua amata avete difficoltà con la perdita di memoria prospettica o retrospettiva, dovresti cercare aiuto il più presto possibile per test, diagnosi e trattamento.Mentre la memoria retrospettiva ha un grado di perdita comune con l’invecchiamento, la memoria prospettica non ha dimostrato di peggiorare con il tempo. Se pensate che la vostra amata abbia costantemente problemi con la memoria prospettica, dovreste rivolgervi a un professionista per farvi esaminare la memoria.

Il tuo primo passo per cercare aiuto per la perdita di memoria prospettica è contattare uno psicologo, il quale è in grado di verificare la tua memoria e assicurarsi che tu non abbia alcun difetto significativo.Se il test della memoria mostra una perdita di memoria, possono aiutarvi ulteriormente nel vostro percorso verso la diagnosi e il trattamento. Più tardi inizierà il trattamento di certe condizioni come l’Alzheimer, più a lungo rimarrete in buona salute.Questo significa che è importante non rinunciare al test della memoria.


Due parole sul nostro processo di revisione

I video, i post e gli articoli non possono sostituire un percorso di supporto psicologico, ma a volte rappresentano il primo o l'unico modo per interpretare un problema o uno stato d'animo. Per i contenuti del nostro blog che trattano argomenti legati a sintomi, disturbi e terapie, abbiamo deciso di introdurre un processo di revisione fondato su tre principi.

Gli articoli devono essere approfonditi

La prima stesura è fatta da uno/una psicoterapeuta con almeno 2.000 ore di esperienza clinica.

Gli articoli devono essere verificati

Dopo la prima stesura, le informazioni e le fonti vengono esaminate da un altro o da un'altra professionista.

Gli articoli devono essere chiari

L'articolo viene rivisto dal punto di vista stilistico, per agevolare la lettura e l'assimilazione dei concetti.

Revisori

reviewer

Dott. Raffaele Avico

Psicoterapeuta, psicotraumatologo e terapista certificato EMDR I

Ordine degli Psicologi del Piemonte num. 5822

Psicoterapeuta, psicotraumatologo e terapista EMDR. È membro della ESDT (European Society for Trauma and Dissociation) e socio AISTED (Associazione italiana per lo studio del trauma e della dissociazione).

reviewer

Dott. Luca Barbieri

Psicologo clinico di Milano

Ordine degli Psicologi della Lombardia num. 23251

Psicologo clinico. Ha una laurea in scienze psicologiche e una in psicologia criminologica e forense. Sta svolgendo il percorso di specializzazione in psicoterapia presso l'istituto CIPA di Milano.

reviewer

Dott. Raffaele Avico

Psicoterapeuta, psicotraumatologo e terapista certificato EMDR I

Ordine degli Psicologi del Piemonte num. 5822

Si occupa di divulgazione scientifica e comunicazione scritta e video in ambito di salute mentale, psicologia e psichiatria. E' membro della ESDT (European Society for Trauma and Dissociation) e socio AISTED (Associazione italiana per lo Studio del Trauma e della Dissociazione).