Cos’è l’accettazione radicale e come può aiutarmi?

Aggiornato il 20 ottobre 2021

Gli individui con problemi di salute mentale, preoccupazioni e disturbi molto spesso soffrono di una cosa comune: un senso distorto della propria identità. Avere un’idea chiara di chi si è, cosa si vuole e cosa si fa è inestimabile per navigare nel mondo in sicurezza, fiducia e forza. Perdere questo aspetto fondamentale dell’essere umano può portare a una cascata di altri problemi. Fortunatamente, c’è un modo per combattere questo tipo di perdita di se stessi, e inizia con l’accettazione radicale.

donna felice

Questo sito è di proprietà e gestito da Serenis, che riceve tutti i compensi associati alla piattaforma.
Fonte: unsplash.com

Cos’è l’Accettazione Radicale?

L’Accettazione Radicale è una pratica sviluppata da Marsha Linehan. Usata nella Dialectical Behavior Therapy (DBT), questa particolare pratica è stata creata sulla base del concetto che la realtà deve essere accettata, piuttosto che combattuta, e che combattere e inveire contro una situazione è una causa di sofferenza maggiore della situazione stessa. L’accettazione radicale, come suggerisce il nome, significa esattamente questo: accettare tutto di te stesso, della tua situazione attuale e della tua vita senza domande, biasimi o rimproveri. Lungi dal condonare o abbracciare ciò che siete e ciò che state attraversando, l’accettazione radicale sostiene semplicemente l’accettazione di voi stessi e delle vostre circostanze al fine di muoversi meglio attraverso e oltre.

L’accettazione radicale è utile per tutti i tipi di disturbi, compresi vari malesseri e preoccupazioni di salute mentale. Questo perché la lotta contro qualcosa spesso lo rende peggiore; in uno studio è stato detto alle persone di pensare agli orsi bianchi, poi è stato espressamente vietato di farlo pochi minuti dopo. I partecipanti allo studio hanno trovato praticamente impossibile smettere di pensare agli orsi bianchi. Una volta che la direttiva è cambiata per permettere agli studenti di pensare agli orsi, l’impulso a farlo è effettivamente scomparso. Accettare se stessi, la propria situazione e il proprio stato di salute mentale può effettivamente aiutare ad alleviare alcuni dei sintomi associati a ciascuna di queste cose.

Cosa causa la sofferenza?

A questa domanda non è facile rispondere; l’esatta causa della sofferenza non è ampiamente condivisa e non è determinata da nessun singolo partito di governo. Ciò che è diventato un filo sempre più comune, però, è la nozione che l’attaccamento (o fissazione) è una causa significativa della sofferenza, separata da qualsiasi ideologia religiosa specifica o inclinazione filosofica. La sofferenza è il risultato di un attaccamento a un’idea, una situazione precedente, o una determinazione di ciò che dovrebbe accadere, di ciò che dovresti essere, o di ciò che la tua vita dovrebbe essere. Riconoscere e accettare la totalità della tua vita e di te stesso è rimuovere te stesso dalla possibilità di sperimentare questo tipo di sofferenza.

Quando si usa l’accettazione radicale

L’accettazione radicale si usa in situazioni che sono al di là del nostro controllo. L’accettazione radicale non dovrebbe essere impegnata in situazioni che richiedono un cambiamento, come una relazione abusiva o una situazione lavorativa pericolosa. Invece, l’accettazione radicale è applicata alle cose che si verificano senza che noi possiamo averci a che fare. L’accettazione radicale può essere applicata a una rottura devastante, una svolta improvvisa e brusca nei vostri progetti di vita, la perdita di una persona cara o la perdita di un lavoro. Ognuno di questi scenari potrebbe provocare una risposta infinita di furia, negazione, dolore e lotta – oppure ognuno di essi può essere accettato come una nuova realtà e superato. In definitiva, l’obiettivo dell’accettazione radicale è la progressione e la crescita al posto della stagnazione e dell’aggrapparsi al passato.

Componenti dell’accettazione radicale

Piuttosto che essere un pensiero o un’idea, l’accettazione radicale contiene in realtà diverse componenti che devono essere messe in pratica; va bene dire a se stessi “Mi accetto così come sono”, ma se non si vive in modo da sposare questa convinzione, la convinzione è inutile per voi e per tutti gli altri. Per praticare l’accettazione radicale devi:

  • Accettare te stesso e la tua vita per quello che sono – non per quello che vorresti che fossero
  • Realizzare e riconoscere ciò che puoi e non puoi controllare
  • Esaminare te stesso e la tua vita senza giudizio o condanna
  • Riconosci i fatti di te stesso e della tua situazione
  • Accettare la realtà
  • Pratica la consapevolezza e vivi nel momento presente

Parte del rifiuto di accettare la realtà è vivere nel futuro o nel passato, piuttosto che vivere nel momento presente. L’accettazione radicale è un sottoinsieme del vivere con consapevolezza e richiede di lasciarsi alle spalle tutte le fantasie che potresti avere sul tuo passato o sul tuo futuro e di radicarti saldamente nella tua vita come è effettivamente, senza alcun giudizio, rabbia o negazione.

Questo tipo di pratica non è facile da adottare e spesso richiede un aiuto. Potete leggere libri, consultare uno specialista o vedere un terapeuta per sviluppare gli strumenti necessari per usare efficacemente l’accettazione radicale nella vostra vita. Ognuna di queste opzioni, però, dipenderà in gran parte da voi; in definitiva, dovete essere disposti a praticare e adottare costantemente i principi dell’accettazione radicale, altrimenti il trattamento non sarà efficace o utile. Sia che leggiate sull’accettazione radicale e iniziate a praticarla a casa, sia che la conosciate in sessioni di gruppo o che lavoriate a tu per tu con un professionista della salute mentale, ciò che otterrete dall’accettazione radicale come pratica dipende interamente da voi e non può essere forzato o influenzato da nessuno al di fuori di voi.

Le radici dell’accettazione radicale

Nonostante funzioni come un trattamento di salute mentale riconosciuto, l’accettazione radicale ha alcune radici nel buddismo e nello stile di vita buddista. Una delle nozioni di base di questa religione mondiale è che l’attaccamento è la radice della sofferenza e che la mancanza di attaccamento significa, in molti modi, la mancanza di sofferenza. Dopo tutto, si può argomentare, se non si è attaccati alle persone care, perché si dovrebbe soffrire molto quando queste persone non ci sono più? Se non si è attaccati al denaro e a un certo tenore di vita, perché soffrire quando quello stesso denaro non c’è più? Se non siete attaccati alla vostra identità come una cosa fissa e definitiva, non avete bisogno di soffrire quando alcuni aspetti della vostra personalità o identità vi vengono strappati.

donna sdraiata sul divano

Fonte: unsplash.com

Questo funziona come base dell’accettazione radicale; accettare se stessi e la propria vita è una forma di praticare il non attaccamento e ti dà la libertà di vivere la tua vita di momento in momento, piuttosto che rimescolare perpetuamente per ricreare un momento nel tempo, o costringere la tua vita a cadere in linea con il piano che avevi stabilito in precedenza.

Identificare le fonti di sofferenza e lavorare sul proprio (h2)

Quando iniziate una pratica di accettazione radicale, una delle prime cose da fare è pensare a cosa vi sta causando la maggior quantità di dolore. Potresti identificare un trauma come radice dei tuoi problemi, una rottura, o qualche altro evento spiacevole nella tua vita. Potreste scoprire che il vostro bisogno di accettazione radicale arriva dopo che la vostra vita non ha preso la piega che vi aspettavate o speravate. Qualunque sia il caso, determinare la fonte della tua sofferenza è una parte importante di questo lavoro; una volta che puoi individuare le cose che ti stanno causando dolore, puoi iniziare a lavorare sull’applicazione dell’accettazione radicale ad esse.

Questo lavoro può essere fatto da soli. Usando il diario e l’auto-riflessione, puoi identificare le parti più problematiche del tuo passato e puoi iniziare ad applicare i principi dell’accettazione radicale. Man mano che progredisci, puoi continuare a scrivere e a controllare te stesso, per assicurarti di applicare costantemente i principi di questo trattamento e di lavorare attivamente verso la guarigione.

Quando Serenis può aiutare

Se nel vostro viaggio di accettazione radicale raggiungete un punto in cui sentite di essere diventati stagnanti o bloccati, potete rivolgervi a un professionista della salute mentale per un ulteriore aiuto e guida nel vostro viaggio. Qualcuno che è addestrato in questo tipo di terapia può aiutarvi a identificare eventuali punti deboli nella vostra pratica di accettazione radicale e può fornire intuizioni e formazione per una pratica di accettazione radicale completamente esaustiva che copre la maggior parte dei vostri attuali mali, disturbi e preoccupazioni di salute mentale.

due donne davanti al laptop

Fonte: unsplash.com

Serenis è un fornitore di terapie online che offre una vasta gamma di background terapeutici, specialità e interessi. Sia che tu voglia affrontare un pozzo di dolore con un’accettazione radicale, o che tu voglia affrontare una dipendenza con cui hai lottato per anni, i terapeuti di Serenis sono disponibili a lavorare con i loro clienti in un ambiente più rilassato – cioè, dal divano del tuo salotto, o anche dal letto. La terapia online può essere enormemente utile per le persone che lottano per lavorare con le abitudini di programmazione standard degli uffici di terapia tradizionali e può offrire un’esperienza più personale rispetto alle solite impostazioni cliniche.

Domande frequenti (FAQ)

Come si pratica l’accettazione radicale?

Accettazione radicale significa accettare che la vita non funziona sempre a tuo favore, e che molte parti della vita sono a volte fuori dal tuo controllo. Praticare l’accettazione radicale include concentrarsi sulle cose positive della tua vita, come i tuoi valori, attributi e caratteristiche. Ti trovi faccia a faccia con l’evento o la circostanza. Evita di giudicare una situazione e vedila per quello che è. Accetta te stesso riconoscendo dove sei e dove vuoi essere. Pensa ai piani che non sono andati bene come speravi e a come rivederli. A volte le delusioni sono temporanee, ma è possibile ribaltare le cose concentrandosi su ciò che si può fare.

Quindi come si fa a praticarlo quando ci si trova di fronte a una situazione fuori dal proprio controllo? Ecco come.

  • Guarda la situazione in modo critico. Quanto del problema era fuori dal tuo controllo? Se era almeno la maggior parte, allora accettare radicalmente che la vita è così è la soluzione. Se è stata colpa tua, accettare radicalmente non è la soluzione, e devi imparare dai tuoi errori.
  • Pratica la mindfulness o la terapia cognitiva comportamentale. Entrambe le tecniche possono aiutarvi a scartare qualsiasi pensiero autodistruttivo o negativo che potete avere. Quando ti senti turbato da un evento, ci possono essere molte emozioni che provi al riguardo, e l’accettazione radicale non va bene contro questi pensieri. Un terapeuta può aiutarvi a raggiungere questa mentalità.
  • Ricorda che l’accettazione radicale non significa che non puoi provare emozioni. Se hai voglia di piangere o di sfogare le tue frustrazioni, fallo. Renditi solo conto che non sei in grado di cambiare ciò che è già. L’accettazione radicale richiede che tu affronti un grande problema: gli eventi casuali della vita.

Trova un terapeuta o un centro di trattamento specializzato nell’aiutare gli altri ad affrontare l’accettazione radicale per imparare le abilità da mettere in pratica. I centri di trattamento specializzati nell’accettazione radicale forniscono supporto per le persone con problemi di salute mentale, come la depressione e l’ansia, per incoraggiare una vita positiva. Puoi trovare un centro di trattamento che ti aiuti ad affrontare le sfide di salute mentale come l’abuso di sostanze con il supporto dell’accettazione radicale. Trova le opzioni di teleterapia che rendono semplice imparare tutto ciò che devi sapere a casa o quando è più conveniente.

Cos’è l’accettazione radicale e come può aiutarmi?

Quando sentite il termine “accettazione radicale”, potreste avere diverse domande, la più grande delle quali è: “Che cos’è? In che modo è diversa dall’accettazione normale? L’accettazione radicale è accettare che alcune cose sono al di là del tuo controllo.

L’accettazione radicale rende più facile raggiungere gli obiettivi nella vita accettando ciò che è e ciò che non è possibile. Ci si trova faccia a faccia con ciò che è reale e ciò che non lo è. È più che rifiutare di accettare ciò che è vero. Include accettare se stessi così come si è e imparare a superare le delusioni. Si impara a resistere al bisogno di combattere la realtà. Questi elementi sono significativi per la vostra salute mentale ed emotiva.

È molto comune per molte persone combattere contro le cose che non possono controllare. Per esempio, se finite in un incidente d’auto, potreste avere difficoltà ad accettare che la vostra auto sia distrutta e vi arrabbiate quando qualcuno vi dice che non può essere riparata. Mentre si può essere sconvolti per questo, imparare ad accettare radicalmente ciò che è successo può aiutare ad andare avanti con la propria vita.

Un concetto che si trova nella terapia dialettica del comportamento, l’accettazione radicale non consiste nel dire che non si dovrebbero cambiare le ingiustizie, ma è invece essere in pace con l’imprevedibilità della vita. In molte situazioni, le vostre emozioni possono avere la meglio su di voi, e trovare l’accettazione in queste situazioni può essere impegnativo, ma cercando di praticarla, potete vivere una vita migliore.

Quando trovate un terapeuta specializzato in terapia del comportamento dialettale, chiedete informazioni sulle abilità da applicare nella vostra vita e su come queste aiutano a raggiungere i vostri obiettivi. I tipi di terapia usati per sviluppare l’accettazione includono sessioni di gruppo e individuali con alcuni terapeuti specializzati in specifiche condizioni di salute mentale. È possibile trovare un gruppo di sostegno online o di persona che fornisce supporto morale da persone che possono relazionarsi. Alcuni trovano un centro di trattamento per fornire un piano o una prospettiva a lungo termine su come raggiungere l’accettazione radicale. Molti trovano la teleterapia utile per capire come l’accettazione radicale può funzionare nella loro vita.

Se ti stai ancora chiedendo se la terapia è giusta per te, contattaci a info@serenis.it. Serenis è specializzata nella terapia online per aiutare ad affrontare tutti i tipi di problemi di salute mentale.

Perché è importante l’accettazione radicale?

L’accettazione radicale consiste nell’accettare che alcuni fattori della vita sono al di là del tuo controllo e accettare ciò che non puoi cambiare fa parte della vita. Come persone, tendiamo a voler credere di avere il controllo su tutto, ma la vita non è così. Quando si pratica l’accettazione radicale, si impara ad accettare gli elementi che rendono la situazione vera. Impari ad affrontare la realtà della tua vita, comprese le emozioni indesiderate. Ti mette sulla strada giusta per comprendere i bisogni e i sentimenti di te stesso e degli altri.

Sia che tu creda che sia tutto casuale o il piano di Dio, è importante che tu impari che non tutto sarà sotto il tuo controllo, e imparare ad accettarlo è un segno di una persona forte.

Man mano che le persone imparano di più sul significato dell’accettazione, molti trovano un terapeuta o un gruppo di sostegno per imparare più abilità e incoraggiamento.

Cosa non è l’accettazione radicale?

L’accettazione radicale non è approvare le circostanze che sono accadute con voi. Né si tratta di non mostrare sentimenti verso quelle circostanze o cambiamenti. Non è etichettare le situazioni come buone o cattive. Non è ignorare o rifiutare una situazione. Non è un’approvazione o pensare una bandiera bianca che sventola come segno di resa. Non è cedere ad una situazione. Alcuni pensano che significhi accettare la situazione. Non si può cambiare un evento doloroso senza accettare ciò che è successo.

L’accettazione radicale riconosce il fatto che tutti noi avremo dei sentimenti per qualcosa, ma alla fine della giornata, è importante imparare che non si può cambiare tutto.

Come si fa a praticare l’accettazione nella vita quotidiana?

Ecco alcuni modi per praticare l’accettazione.

  • Sii consapevole dei tuoi pensieri e sentimenti verso qualcosa. Sono validi o provengono da pregiudizi o da cose che non potete controllare? Se è la seconda, impara a controllarli.
  • Cerca di trovare il buono in ogni cosa, anche in una situazione che sembra sfortunata. Guardare il lato positivo sembra un consiglio di cattivo gusto, ma c’è una ragione per cui è così usato. Ci sono molte ragioni per cui dovresti essere positivo, anche se il mondo è negativo.
  • Fate attenzione ai vostri giudizi. Se vedete qualcuno che non vi piace perché è diverso, cercate di capire cosa vi dà fastidio di lui. C’è un modo per cambiarlo?
  • Cercate l’aiuto di un terapeuta o di un terapeuta.

Come si fa ad accettare le circostanze difficili?

Accettare significa accettare qualsiasi cosa, anche le circostanze più difficili. A volte, siamo colpiti dalla sfortuna peggiore, e può essere una sfida accettarla. Tuttavia, è saggio accettare queste parti della vita. Detto questo, ci rendiamo conto che non è facile. Ecco alcuni modi per accettare meglio le circostanze difficili.

  • Non negare le circostanze. Se si nega, si può finire per mettere questi problemi in secondo piano, il che può portare a un peggioramento dei problemi nel tempo. Accettare la realtà è importante, anche se questo significa accettare la realtà che è scomoda per te.
  • Risolvi il problema e cerca di capire se c’è qualcosa che puoi fare per cambiarlo. Alcuni problemi sfuggono al tuo controllo, mentre altre volte puoi fare dei cambiamenti.
  • Se puoi, pensa a un piano per gestirlo. Inoltre, non abbiate paura di cercare aiuto da amici, familiari o terapeuti. Anche se ti sembra di ingoiare il tuo orgoglio, dovresti sempre chiedere aiuto quando puoi.
  • Accetta le cose che non puoi cambiare. Pratica la mindfulness e concentrati invece sulle circostanze che puoi cambiare.
  • Detto questo, va bene per voi sfogare alcune emozioni su queste circostanze. Tenere i tuoi sentimenti imbottigliati e accettare radicalmente come ti senti può finire per ritorcersi contro di te in alcuni casi.

Come si fa a praticare l’accettazione degli altri?

Accettare gli altri che sono diversi da te è qualcosa che dovresti praticare nella maggior parte dei casi, ma molte persone non lo fanno. Anche se si dice che si è di mentalità aperta, si hanno i propri pregiudizi e a volte è difficile essere in grado di accettare gli altri. Tuttavia, praticare l’accettazione è qualcosa che chiunque può fare. Se volete praticare l’accettazione, ecco alcuni modi per ottenerla.

  • Praticare l’accettazione significa usare l’empatia. Pensate a cosa accadrebbe se foste nei loro panni. Come vi sentireste se foste criticati per essere diversi?
  • Impara di più sulle loro differenze. Invece di esprimere giudizi, fate le vostre ricerche. E se la persona è aperta alle domande, sentiti libero di farle.
  • Accettare significa superare i propri pensieri. Non importa come accetti qualcuno, potresti ancora avere dei pensieri negativi che ti vengono in mente. Praticare la mindfulness e la terapia cognitiva comportamentale può aiutare in questo.
  • Se hai problemi ad accettare qualcuno, un terapeuta o un terapeuta può essere in grado di aiutarti. A volte, il vostro rifiuto di mostrare accettazione verso qualcuno deriva da qualcosa nel vostro passato, e un terapeuta può aiutarvi a risolverlo.

Accettazione radicale e guarigione

Anche se l’accettazione radicale può sembrare a prima vista abbastanza semplice, è in realtà un potente strumento per migliorare qualsiasi disturbo di salute mentale che potreste avere. Sia che tu la pratichi da solo o che ti avvalga dell’aiuto di un professionista della salute mentale, l’accettazione radicale può rivelarsi un potente alleato per migliorare la tua salute e il tuo benessere generale. Fate il primo passo oggi.

Cos’è l’accettazione radicale?

L’accettazione radicale è quando accetti le cose così come sono senza resistenza. Invece di combattere la realtà, accetti la realtà lasciando andare le cose. Quando pratichi l’accettazione radicale, accetti le cose quando non vanno a modo tuo, rendendo più facile rompere un ciclo che contribuisce alle lotte emotive. Impari ad accettare te stesso e la tua situazione per poter andare avanti. Ottieni una visione su come affrontare la tua realtà.

Puoi trovare un terapeuta online o di persona per imparare le tecniche attraverso la talk therapy. Puoi anche trovare un terapeuta o un centro di trattamento attraverso il tuo medico curante, il referral di un pari e i gruppi di supporto online. Se sei preoccupato per un problema di salute mentale, trova uno psichiatra che ti consiglierà le opzioni di aiuto.

L’accettazione è un’abilità?

L’accettazione è una combinazione di abilità di elementi essenziali per aiutarvi a ottenere la pace con il vostro sé interiore. Includono dettagli da praticare regolarmente in modo da poter accettare le circostanze che sfuggono al vostro controllo. Cose come il perdono, la tolleranza, il lasciar andare le cose e il trattare gli altri allo stesso modo sono viste come abilità di accettazione che fanno parte della vita. Il perdono e la comprensione sono i primi esempi di accettazione radicale presentati. Dopo aver compreso che l’accettazione è un’abilità, si affrontano le emozioni dolorose seguendo i propri sentimenti senza stare sulla difensiva o giudicare.

Puoi imparare di più sull’accettazione facendo test di autovalutazione online, sessioni di terapia, sia online che di persona. Puoi trovare uno psichiatra che ti dia informazioni sulle condizioni di salute mentale e sulle necessità di farmaci, incluso dove andare per un supporto. Trova opzioni di teleterapia per aiutarti a prendere appunti, acquisire speranza e fare piani per il futuro mentre metti in pratica ciò che hai imparato sull’accettazione di te stesso.

Perché l’accettazione è così difficile?

È difficile perché si combatte la realtà quando le persone hanno un’idea fissa nella loro mente su cosa credere sulla base di supposizioni. Si rifiuta di accettare quando le cose vanno oltre le supposizioni. Quando ci si trova faccia a faccia con la verità, questo dovrebbe essere sufficiente per accettare la situazione, ma alcuni lottano con questo concetto per molto tempo perché vogliono avere il controllo quando spesso non è possibile. Una persona che affronta il disturbo bipolare può sperimentare questi pensieri.

Bisogna imparare ad accettare ciò che non si può cambiare. Vedere la verità per quello che è, forse visto come accettazione radicale presentato. Smettere di combattere con la verità. Poiché può rappresentare una sfida a praticare tali abilità da soli, molti scelgono di trovare un terapeuta o un centro di trattamento con cui lavorare per aumentare il loro tasso di successo.

Chi ha coniato il termine accettazione radicale?

Il termine è stato creato dalla psicologa Marsha Linehan, che ha creato la terapia dialettica del comportamento (DBT). La DBT è una forma di terapia del dialogo stabilita per aiutare le persone ad affrontare le emozioni difficili mentre capiscono come cambiare i loro modelli di pensiero per incoraggiare comportamenti positivi. Il trattamento ha aiutato persone con pensieri suicidi, depressione e ansia, disturbo di personalità borderline, disturbo bipolare e disturbi alimentari ad affrontare e cambiare abitudini di pensiero malsane.

Ci sono tipi di terapia che si specializzano in diversi problemi di salute mentale mentre aiutano gli altri a capire l’accettazione con la DBT, utile anche durante le crisi. Se hai problemi di salute mentale e vuoi saperne di più su come trattarli, trova uno psichiatra per determinare le opzioni di trattamento. Inoltre, puoi trovare un gruppo di supporto che ti aiuti ad avere idee su come praticare a casa. Puoi trovare un centro di trattamento che si occupa di problemi di salute comportamentale per accedere alle sessioni di terapia DBT.

Quali sono i 4 moduli della DBT?

I quattro moduli della DBT (terapia dialettica del comportamento) sono:

  1. Praticare le abilità di mindfulness può aiutarti a non giudicare.
  2. Efficacia interpersonale. Formazione di abilità per incoraggiare l’assertività.
  3. Tolleranza allo stress. Imparare ad affrontare le emozioni dolorose con abilità personali.
  4. Regolazione emotiva. Imparare a regolare le emozioni personali.

Quando trovate un terapeuta specializzato in accettazione radicale, questi moduli gettano le basi per ciò che esplorerete quando capirete come accettare le cose nella vostra vita.

La terapia è personale

La terapia è un’esperienza personale e non tutti vi entrano cercando le stesse cose. Ma, tenendo a mente queste nove cose, puoi assicurarti di ottenere il massimo dalla terapia online, indipendentemente da quali siano i tuoi obiettivi specifici.

Bibliografia e Approfondimenti


Questa pagina è stata verificata

I nostri contenuti superano un processo di revisione in tre fasi.

Scrittura

Ogni articolo viene scritto o esaminato da uno psicoterapeuta prima di essere pubblicato.

Controllo

Ogni articolo contiene una bibliografia con le fonti citate, per permettere di verificare il contenuto.

Chiarezza

Ogni articolo è rivisto dal punto di vista stilistico, per agevolare la lettura e la comprensione.

Revisori

reviewer

Dott. Raffaele Avico

Psicoterapeuta, psicotraumatologo e terapista certificato EMDR I

Ordine degli Psicologi del Piemonte num. 5822

Psicoterapeuta, psicotraumatologo e terapista EMDR. È membro della ESDT (European Society for Trauma and Dissociation) e socio AISTED (Associazione italiana per lo studio del trauma e della dissociazione).

reviewer

Dott. Rosario Urbani

Psicoterapeuta specializzato in cognitivo comportamentale

Ordine degli Psicologi della Campania num. 6653/A

Laureato in Neuroscienze presso la Seconda Università di Napoli. Specializzato presso l’istituto Skinner in psicoterapia cognitivo comportamentale. Analista del comportamento ABA e specializzato anche nella tecnica terapeutica dell'EMDR.

reviewer

Dott.ssa Maria Vallillo

Psicoterapeuta specialista in Lifespan Developmental Psychology

Ordine degli Psicologi del Lazio num. 25732

Laurea in Psicologia presso l'Università degli Studi di Chieti. Specializzazione in psicoterapia e psicologia del ciclo di vita presso l’Università la Sapienza di Roma. Esperta in neuropsicologia e psicodiagnostica e perfezionata in psico-oncologia.