Cos’è la psicoterapia per il lutto e come può aiutare?

Aggiornato il 07 gennaio 2022Ragazza tristeFonte: unsplash.com

Anche se il dolore è una parte inevitabile della vita, la perdita di una persona cara è sempre una situazione inaspettata e difficile da affrontare, anche quando la perdita è prevista. Suscita una miriade di emozioni complesse e la sua realtà annulla tutto ciò che si è sentito dire sul lutto. Non c’è modo di prepararsi al lutto.

Con il passare del tempo, molti vengono a patti con la loro perdita e imparano a cavarsela a modo loro. Altri, tuttavia, lottano con il lutto per periodi prolungati senza miglioramenti e, di conseguenza, la loro capacità di portare avanti le attività quotidiane è interrotta.

Non importa quanto tempo vi occorra per elaborare il lutto di una persona cara, la psicoterapia per il lutto può aiutarvi a superare una delle esperienze più difficili della vita.

Che cos’è la psicoterapia per il lutto?

La psicoterapia per il lutto è progettata per aiutare le persone ad affrontare la perdita di una persona cara. Un terapeuta per il lutto può aiutarti a sviluppare metodi e strategie per affrontare la tua perdita e il tuo dolore. La psicoterapia per il lutto fornisce alle persone in lutto una via per discutere i loro sentimenti ed emozioni, aiutandole a scoprire modi per facilitare il processo di lutto.

Potresti aver sentito parlare delle fasi del lutto, che possono essere impegnative per chiunque, ma la psicoterapia sul lutto è raccomandata specialmente per le persone il cui lutto:

  • interferisce con le attività quotidiane
  • Provoca sentimenti di colpa o depressione
  • Rende più difficile portare avanti la propria vita
  • Causa problemi nelle relazioni esistenti

Che cos’è il dolore?

Il dolore è una reazione naturale a qualsiasi forma di perdita, specialmente alla morte di qualcuno. Va oltre la semplice tristezza e spesso evoca sentimenti di confusione, dubbio, colpa, rabbia e altre emozioni complesse.

Non c’è un modo giusto di elaborare il lutto ognuno reagisce alla perdita in modo diverso e lo fa a modo suo. Non c’è nemmeno una durata normale del lutto; possono volerci mesi o anni per accettare la perdita di una persona cara. Ciononostante, la maggior parte delle persone può davvero riprendersi da una perdita con l’aiuto di una grande rete di supporto sociale e di meccanismi di coping sani. La psicoterapia sul lutto fornisce il supporto necessario a coloro che hanno difficoltà a riprendersi.

Come funziona il lutto

La natura del lutto spesso corrisponde alle circostanze della perdita. La perdita di una persona cara a causa dell’età avanzata, per esempio, suscita tipicamente una reazione diversa dalla perdita prematura di un bambino. Tuttavia, nessun tipo di dolore dovrebbe essere sminuito o favorito rispetto ad un altro.

Il dolore si manifesta anche in una serie di pensieri e comportamenti. Alcune persone preferiscono la compagnia degli altri e la condivisione dei loro sentimenti; altre preferiscono piangere da sole. Le persone in lutto possono mostrare un “lutto strumentale”, in cui si concentrano sulla soluzione di altri problemi per distrarsi dal bisogno di esprimere le loro emozioni, o un “lutto intuitivo”, che comporta la comunicazione e la condivisione dei propri sentimenti.

A volte, i normali pensieri e comportamenti associati al lutto possono trasformarsi o combinarsi in sintomi intensi come ansia, depressione, problemi alimentari, comportamenti aggressivi o autodistruttivi e problemi di sonno. Questa condizione è conosciuta come “lutto complicato”, e oltre il 15 per cento delle persone in lutto è probabile che lo sperimentino secondo l’American Psychological Association.

Se stai affrontando uno di questi sintomi al di fuori della gamma prevista di reazioni alla perdita, consultare un terapeuta professionale autorizzato per il lutto può aiutarti a gestire qualsiasi effetto collaterale mentale o fisico della perdita che potresti sperimentare. In questi casi, la terapia del lutto è l’opzione più appropriata, e comporta sessioni incanalate verso individui che lottano con risposte gravi al lutto.

Le fasi del lutto

La psichiatra svizzera-americana Elisabeth Kubler-Ross ha proposto 5 fasi per affrontare il lutto nel suo libro del 1969, On Death and Dying. Ognuna di queste fasi può durare da pochi giorni a un anno. Le fasi del lutto possono anche verificarsi in un ordine diverso, alcune persone non sperimentano tutte le fasi, e molte persone non si rendono conto che stanno anche sperimentando queste fasi. In alcuni casi, le persone potrebbero non attraversare nessuna di queste fasi.

Nel primo stadio della Kubler-Ross, la “negazione”, le persone di solito non sono in grado o non vogliono ammettere la loro perdita. Il secondo stadio, la “rabbia”, arriva quando si realizza la perdita. È seguito dalla “contrattazione”, il terzo stadio, in cui le persone in lutto spesso cercano di supplicare chiunque, o qualunque cosa, per riportare la persona amata nella loro vita. Il quarto stadio, la “depressione”, è spesso il più difficile da superare. La quinta e ultima fase, “accettazione”, completa tipicamente il processo di lutto; la maggior parte delle persone arriva ad accettare la propria perdita in questa fase.

Come aiuta la psicoterapia sul lutto?

Oltre ad aiutarvi ad affrontare la vostra perdita, la psicoterapia per il lutto vi permette di

  • Trattare il tuo trauma
  • Esprimere le tue emozioni
  • Affrontare i sentimenti di colpa che potresti nutrire
  • Costruire un forte sistema di sostegno che ti aiuti ad andare avanti
  • Venire a patti con la tua nuova realtà

Vivere con il dolore di una perdita irrisolta non è sano e può portare a un lutto complicato, che è più grave, duraturo e difficile da rimediare.

Cosa succede durante la psicoterapia sul lutto?

Il primo passo comporta la promozione di una relazione di fiducia con il cliente per creare un ambiente sicuro e confortevole per il lutto per condividere apertamente le circostanze della loro perdita.

Il secondo passo, oltre ad ascoltare attivamente la persona in lutto, implica che il terapeuta faccia domande specifiche sulla natura della relazione del cliente con il defunto. Se la relazione con il defunto era difficile, la psicoterapia richiederà un approccio diverso rispetto a una situazione in cui c’era una relazione sana tra il lutto e il defunto.

La psicoterapia per il lutto non è solo per gli adulti che affrontano la perdita. I terapeuti per il lutto potrebbero concentrarsi su questioni come: individui che hanno perso un collega; bambini che affrontano la perdita di un genitore, di un amico o di un animale domestico; pazienti in ricovero; donne o coppie che stanno affrontando un aborto spontaneo; e persone che hanno vissuto un evento traumatico.

Tecniche di psicoterapia per il lutto

Dopo che le circostanze che circondano la perdita sono state stabilite con successo, il terapeuta può passare alle tecniche specifiche di elaborazione del lutto, che possono includere quanto segue:

  • Parlare della persona deceduta. A volte le persone in lutto hanno bisogno di parlare della loro perdita ma non riescono a trovare uno spazio sicuro per farlo. Un terapeuta dovrebbe incoraggiare la persona in lutto a parlare della vita del defunto: com’era, chi amava e chi lo amava, quali erano i suoi hobby? Qualità specifiche che li rendevano così speciali (e anche cosa li rendeva difficili)?
  • Distinguere il dolore dal trauma. Se qualcuno si sente traumatizzato dal ricordo o dalle circostanze che circondano la morte di una persona cara, un terapeuta per il lutto lo aiuterà a riadattare la sua prospettiva su quei ricordi e a riformulare la sua relazione con il defunto per incoraggiare un lutto più sano.
  • Affrontare i sentimenti di colpa. Alcune persone si sentono in colpa per le cose che hanno fatto o non hanno fatto mentre la persona amata era con loro. Un terapeuta per il lutto dovrebbe incoraggiare la persona in lutto a lasciar andare il senso di colpa, o anche a permettersi di dimenticare la persona amata per un po’, in modo da poterla ricordare con affetto in altri momenti.

Suggerimenti generali per affrontare la tua perdita

Venire a patti con la perdita di una persona cara richiede tempo. Può essere utile essere pazienti con se stessi ed evitare di affrettare il periodo di lutto. Non esitare a parlare della tua perdita con amici e familiari – non parlarne potrebbe farti sentire solo e impedire la tua guarigione. Accettare i tuoi sentimenti come vengono e passare del tempo con le persone che si preoccupano del tuo benessere rende il lutto molto più facile da sopportare.

Soprattutto, ricordati di celebrare la persona amata in un modo che onori la sua vita.

Bibliografia e approfondimenti

  • Papa, A., Sewell, M. T., Garrison-Diehn, C., Rummel, C. (2013). A Randomized Open Trial Assessing the Feasibility of Behavioral Activation for Pathological Grief Responding. Behavior Therapy, 44(4), 639-50.
  • Perdighe, C., & Mancini, F. (2010). Il lutto: dai miti agli interventi di facilitazione dell’accettazione. Psicobiettivo, 3.

Due parole sul nostro processo di revisione

I video, i post e gli articoli non possono sostituire un percorso di supporto psicologico, ma a volte rappresentano il primo o l'unico modo per interpretare un problema o uno stato d'animo. Per i contenuti del nostro blog che trattano argomenti legati a sintomi, disturbi e terapie, abbiamo deciso di introdurre un processo di revisione fondato su tre principi.

Gli articoli devono essere approfonditi

La prima stesura è fatta da uno/una psicoterapeuta con almeno 2.000 ore di esperienza clinica.

Gli articoli devono essere verificati

Dopo la prima stesura, le informazioni e le fonti vengono esaminate da un altro o da un'altra professionista.

Gli articoli devono essere chiari

L'articolo viene rivisto dal punto di vista stilistico, per agevolare la lettura e l'assimilazione dei concetti.

Revisori

reviewer

Dott. Raffaele Avico

Psicoterapeuta, psicotraumatologo e terapista certificato EMDR I

Ordine degli Psicologi del Piemonte num. 5822

Psicoterapeuta, psicotraumatologo e terapista EMDR. È membro della ESDT (European Society for Trauma and Dissociation) e socio AISTED (Associazione italiana per lo studio del trauma e della dissociazione).

reviewer

Dott. Luca Barbieri

Psicologo clinico di Milano

Ordine degli Psicologi della Lombardia num. 23251

Psicologo clinico. Ha una laurea in scienze psicologiche e una in psicologia criminologica e forense. Sta svolgendo il percorso di specializzazione in psicoterapia presso l'istituto CIPA di Milano.

reviewer

Dott. Raffaele Avico

Psicoterapeuta, psicotraumatologo e terapista certificato EMDR I

Ordine degli Psicologi del Piemonte num. 5822

Si occupa di divulgazione scientifica e comunicazione scritta e video in ambito di salute mentale, psicologia e psichiatria. E' membro della ESDT (European Society for Trauma and Dissociation) e socio AISTED (Associazione italiana per lo Studio del Trauma e della Dissociazione).