Come liberarsi dell’eruzione cutanea da ansia o stress

Aggiornato il 19 novembre 2021

Probabilmente hai sentito parlare dei diversi modi in cui l’ansia può danneggiare il corpo, tra cui un aumento del rischio di malattie cardiovascolari e ictus. Quello che forse non sai è la connessione tra ansia e sintomi della pelle, come l’orticaria.

Se stai vivendo una settimana stressante e improvvisamente noti delle aree a chiazze che contengono protuberanze pruriginose, allora potresti avere l’orticaria da ansia. Continua a leggere per le cause comuni, l’identificazione e il trattamento.

L’ansia può causare eruzioni cutanee?

Ragazza stressata

Se ultimamente hai sperimentato spesso lo stress e la tua pelle è rossa e irritata, potresti chiederti: “L’ansia può causare prurito e orticaria? In alcune persone, gli ormoni dell’ansia elevati possono innescare l’infiammazione nel corpo, compresa l’orticaria sulla pelle. Inoltre, l’ansia cronica può indebolire il sistema immunitario, rendendo una persona più vulnerabile all’orticaria causata da stimoli ambientali.

L’orticaria indotta dallo stress può apparire ovunque sul corpo, più comunemente sul viso, collo, schiena o braccia. Sono una reazione abbastanza comune che molte persone sperimentano. L’orticaria da stress può variare da lieve a grave in intensità, a seconda della quantità di rossore o prurito coinvolti, così come la dimensione della zona interessata. L’orticaria di solito appare come urti molto piccoli, ma a volte può essere della dimensione di un penny o più grande. Il prurito può essere peggiore di notte per alcune persone e interferire con il loro sonno.

L’ansia può anche causare chiazze rosse di pelle senza orticaria. Questa reazione si verifica a causa della dilatazione dei vasi sanguigni sotto la pelle. Di solito, questo tipo di eruzione cutanea non è pruriginosa o irritante all’esterno della pelle.

L’orticaria può verificarsi per molte ragioni diverse dall’ansia. Le allergie sono la causa più comune di orticaria. Le allergie a tutto, dalle punture di insetti a certi cibi ai farmaci, possono scatenare un’eruzione di orticaria. L’orticaria può essere l’unico sintomo, che si verifica subito dopo il contatto con la sostanza incriminata. Oppure può essere accompagnata da altri sintomi, come il respiro corto o la testa leggera. Se sospetti che un’allergia causi la tua orticaria, ma non ti è ancora stata diagnosticata, contatta il tuo medico.

Come altre cause sottostanti possono apparire simili all’orticaria da ansia:

  • Surriscaldamento
  • Sudorazione
  • Sfregamento
  • Infezioni
  • Alcuni antibiotici
  • Uso di alcool
  • Malattia della tiroide
  • Lupus

Impatto fisico dalle emozioni

L’ansia continua e cronica può avere un serio impatto su molte parti del corpo. La risposta all’ansia del corpo è progettata solo per essere attiva per brevi periodi. Nei tempi moderni, con l’ansia cronica che è la norma per molte persone, questa reazione può rimanere bloccata nella posizione “on”, producendo un effetto domino di ramificazioni negative nel tempo.

Se non controllato, lo stress frequente può danneggiare il sistema cardiovascolare, immunitario e nervoso centrale, tra gli altri processi corporei. L’ansia cronica può indebolire la capacità del tuo corpo di combattere le infezioni e mettere a dura prova i tuoi organi. L’ansia frequente e grave è unforte indicatoredi sviluppare disturbi fisici lungo la strada, come il diabete di tipo 2, malattie cardiache, Alzheimer, Parkinson e alcuni tipi di cancro.

Identificare le eruzioni cutanee da ansia

Fonte: unsplash.com

Le eruzioni cutanee da ansia sono gruppi di protuberanze rosse pruriginose che di solito sono leggermente sollevate dalla pelle. Possono apparire in piccoli gruppi o in formazioni più grandi, chiamate vortici. L’orticaria da ansia non è diversa nell’aspetto dall’orticaria causata da allergie o altri fattori scatenanti.

È importante restringere la causa della vostra orticaria ed escludere qualsiasi condizione sottostante. Considera prima se hai cambiato di recente qualche prodotto che usi, come lo shampoo o il lavaggio del corpo, o se hai iniziato un nuovo farmaco. Se sei preoccupato per la tua orticaria, contatta il tuo medico o dermatologo.

Nel frattempo, se ti stai chiedendo come trattare l’orticaria, continua a leggere.

Come trattare l’orticaria da ansia

Mentre di solito innocuo, orticaria ansia può essere frustrante e indurre sentimenti di insicurezza e auto-coscienza. Per la maggior parte delle persone, l’orticaria da ansia dura solo pochi giorni e quasi sempre si risolve da sola entro 4-6 settimane. Ricordare a te stesso che l’orticaria da ansia è un problema comune e temporaneo può aiutarti a gestire qualsiasi sentimento negativo che potresti avere.

Se volete che sparisca prima, ci sono dei passi che potete fare per ridurre la loro comparsa e gravità. Quelli che seguono sono alcuni suggerimenti su come trattare l’eruzione cutanea da ansia che si sono dimostrati efficaci.

Antistaminici

Le creme antistaminiche commerciali possono essere efficaci per trattare l’orticaria e le eruzioni cutanee legate all’ansia, specialmente quelle che causano prurito e irritazione da lievi a moderate. Queste creme possono essere trovate nella maggior parte delle farmacie e dei supermercati. Assicurati di seguire esattamente le indicazioni. Se l’eruzione cutanea da ansia non risponde agli antistaminici da banco, il medico può prescrivere una crema con prescrizione per trattare i sintomi.

Evitare prodotti aggravanti

Molte lozioni, lavaggi per il corpo e prodotti per la cura della pelle contengono alcol, profumi e altri ingredienti che possono irritare la pelle sensibile. Alcuni prodotti possono causare secchezza, arrossamento e desquamazione, specialmente se usati per coprire un’eruzione cutanea. Passa a prodotti delicati fatti appositamente per trattare la pelle sensibile o l’eczema.

Bagno di farina d’avena

La farina d’avena ha molte note proprietà lenitive che possono aiutare a trattare le eruzioni cutanee indotte dall’ansia. La farina d’avena colloidale è finemente macinata e può essere mescolata in un bagno caldo. Immergersi in un bagno ha l’ulteriore vantaggio di rilassare il corpo, per abbassare gli ormoni dello stress. Anche il bicarbonato di sodio può essere usato come alternativa.

Impacco freddo

Le eruzioni cutanee da ansia non solo prudono, ma possono anche avere una sensazione di bruciore che può essere abbastanza intensa. Un impacco freddo commerciale o fatto in casa può calmare il calore e l’infiammazione e dare sollievo.

Se l’eruzione cutanea da ansia è ancora presente dopo sei settimane, o se hai eruzioni cutanee che si ripresentano frequentemente, contatta il tuo medico per assistenza. È anche importante consultare il medico se si nota una febbre, vesciche o dolore che accompagnano l’eruzione, perché questi possono essere segni di una condizione più grave. In alcuni casi, il medico può prescrivere steroidi o antibiotici per trattare la fonte dell’eruzione.

Altri modi in cui l’ansia può influenzare la tua pelle

Scoppi di acne

La risposta all’ansia del tuo corpo causa un aumento della produzione di ormoni come l’adrenalina e il cortisolo. Tra i cambiamenti come l’aumento della frequenza cardiaca e della pressione sanguigna, questi ormoni causano anche un aumento della produzione di oli da parte delle ghiandole della pelle che possono ostruire i pori e favorire la crescita batterica. Questo può portare a focolai ricorrenti di acne in aree come il viso, il petto, le spalle e la schiena.

Psoriasi e rosacea

L’ansia è unnoto fattore scatenanteper le esplosioni di psoriasi, specialmente nelle donne. Lostesso valeper la rosacea. Questo è dovuto alla risposta infiammatoria del sistema immunitario quando il corpo è sottoposto ad ansia cronica. Una corretta gestione dell’ansia è considerata una parte importante per ridurre al minimo i riacutizzi di queste e altre condizioni della pelle.

Suggerimenti per ridurre l’ansia

Quando si iniziano a notare i sintomi fisici dello stress cronico, è il momento di cercare modi per ridurre l’ansia. Anche se non tutti i fattori scatenanti dell’ansia possono essere eliminati, è essenziale individuare e ridurre quelli che possono esserlo. Mentre i problemi della pelle e altri sintomi esterni dell’ansia possono essere sconvolgenti, i problemi interni possono compromettere seriamente la vostra salute. I modi per diminuire il tuo livello di ansia includono:

  • Iniziare una routine di esercizi. L’esercizio regolare è considerato uno dei modi migliori per gestire e ridurre l’ansia. Un minimo di 30 minuti di esercizio cardiovascolare al giorno per 3-4 giorni a settimana è raccomandato per gli individui sani. Consultare il proprio medico prima di iniziare qualsiasi routine di esercizio.
  • Bere tè verde. La L-Teanina, un aminoacido che si trova nel tè verde, ha un effetto calmante senza essere sedativo. Glistudi hanno mostrato chebere tè verde sopprime la risposta all’ansia del corpo mentre incoraggia una concentrazione calma.
  • Imparare tecniche di rilassamento. Le tecniche di rilassamento sono strumenti utili che potete usare quando sentite che il vostro corpo va in modalità lotta o fuga. La respirazione profonda è una tecnica di rilassamento popolare che coinvolge un focus consapevole sul respiro. Nel rilassamento muscolare progressivo, si esegue una scansione mentale per qualsiasi tensione o ansia nel corpo e poi intenzionalmente rilassare ogni gruppo muscolare.
  • Praticare la meditazione di consapevolezza. La meditazione sta guadagnando una reputazione per la sua capacità di gestire e ridurre l’ansia. La meditazione consiste nell’allenare la mente a concentrarsi sul momento presente e permettere ai pensieri e alle emozioni senza giudizio, invece di reagire immediatamente. Gli studi supportano la conclusione che la meditazione mindfulness contribuisce a cambiamenti positivi nella struttura e nella funzione del cervello.In uno studio, la meditazione è stata in grado di ridurre significativamente l’ansia dopo otto settimane di pratica regolare.

La terapia può aiutare

Uomo che beve caffè

La psicoterapia può anche essere un’utile aggiunta alla vostra cassetta degli attrezzi per aiutarvi a gestire i vostri livelli di ansia. Ridurre l’ansia può minimizzare l’insorgenza di eruzioni cutanee da ansia e altri problemi correlati. Un terapeuta può aiutarvi a identificare quali parti della vostra vita stanno scatenando la vostra ansia e aiutarvi a trovare e attuare soluzioni efficaci per ridurre la vostra ansia e l’impatto che ha sulla vostra mente e sul vostro corpo.

Bibliografia e approfondimenti

  • Strauss, C., Gu, J., Pitman, N., Chapman, C., Kuyken, W., & Whittington, A. (2018). Evaluation of mindfulness-based cognitive therapy for life and a cognitive behavioural therapy stress-management workshop to improve healthcare staff stress: study protocol for two randomised controlled trials. Trials19(1), 209.
  • https://www.fondazioneveronesi.it/magazine/articoli/i-nostri-ricercatori/una-dieta-per-prevenire-i-deficit-cognitivi-causati-dallo-stress

Questa pagina è stata verificata

I nostri contenuti superano un processo di revisione in tre fasi.

Scrittura

Ogni articolo viene scritto o esaminato da uno psicoterapeuta prima di essere pubblicato.

Controllo

Ogni articolo contiene una bibliografia con le fonti citate, per permettere di verificare il contenuto.

Chiarezza

Ogni articolo è rivisto dal punto di vista stilistico, per agevolare la lettura e la comprensione.

Revisori

reviewer

Dott. Raffaele Avico

Psicoterapeuta, psicotraumatologo e terapista certificato EMDR I

Ordine degli Psicologi del Piemonte num. 5822

Psicoterapeuta, psicotraumatologo e terapista EMDR. È membro della ESDT (European Society for Trauma and Dissociation) e socio AISTED (Associazione italiana per lo studio del trauma e della dissociazione).

reviewer

Dott. Rosario Urbani

Psicoterapeuta specializzato in cognitivo comportamentale

Ordine degli Psicologi della Campania num. 6653/A

Laureato in Neuroscienze presso la Seconda Università di Napoli. Specializzato presso l’istituto Skinner in psicoterapia cognitivo comportamentale. Analista del comportamento ABA e specializzato anche nella tecnica terapeutica dell'EMDR.

reviewer

Dott.ssa Maria Vallillo

Psicoterapeuta specialista in Lifespan Developmental Psychology

Ordine degli Psicologi del Lazio num. 25732

Laurea in Psicologia presso l'Università degli Studi di Chieti. Specializzazione in psicoterapia e psicologia del ciclo di vita presso l’Università la Sapienza di Roma. Esperta in neuropsicologia e psicodiagnostica e perfezionata in psico-oncologia.