Amo tanto il mio ragazzo, ma è adatto per me?

Aggiornato il 28 settembre 2021

Hai chiesto a te stesso, alla tua famiglia o ai tuoi amici: “Amo tanto il mio ragazzo, ma è adatto per me?” È normale, e spesso inevitabile, avere dei dubbi su una nuova relazione. Alcuni di noi finiscono anche per mettere in dubbio le relazioni a lungo termine, anche se il nostro partner sta facendo tutto “bene”. I dubbi sulle relazioni potrebbero essere basati sulla paura che la vostra partnership non sia duratura. Questo articolo discuterà diverse considerazioni che potrebbero farti dubitare che il tuo ragazzo sia giusto per te.

Ci sono potenziali conflitti di relazione?

Un denominatore comune nei conflitti di relazione è spesso l’incapacità di comunicare efficacemente con il proprio partner. Ma, prima di esplorare le capacità di comunicazione, identifichiamo alcune aree di conflitto comuni che possono sorgere nelle relazioni:

  • Onestà
  • Orgoglio e vergogna
  • Agenda nascosta
  • Auto-colpevolizzazione
  • Potere e controllo
  • Finanze
  • Ottenere giustizia e uguaglianza
  • Narcisismo
  • Competitività
  • Deviazione della colpa
  • Rabbia e risentimento
  • Vendetta
  • Infedeltà
  • Capro espiatorio

Un altro aspetto importante riguardo alla comunicazione è il vostro stile di comunicazione. Capire il vostro stile di comunicazione vi aiuterà a fare chiarezza sul perché ci può essere un’interruzione della comunicazione con il vostro partner. Tre stili di comunicazione comuni sono: passivo, assertivo e aggressivo.

Sono un comunicatore passivo?

Gli individui che comunicano in modo passivo spesso:

  • Danno la priorità ai bisogni degli altri prima dei propri
  • Hanno la voce bassa/tranquilla
  • Mancano di assertività o sono incapaci di esprimere i propri bisogni e desideri
  • Permettono agli altri di approfittarsi di loro, rendendoli facilmente manipolabili
  • Mancano di fiducia e possono vivere con una bassa autostima
  • Hanno uno scarso contatto visivo con gli altri (possono distogliere lo sguardo o abbassarlo quando conversano o si avvicinano agli altri)

Sono un comunicatore assertivo?

Gli individui che comunicano in modo assertivo spesso:

  • Difendono se stessi (sono a loro agio nell’esprimere bisogni, desideri, sentimenti, convinzioni, ecc.)
  • Ascoltano e non interrompono gli altri durante la conversazione
  • Difendono le proprie convinzioni e/o i diritti propri o altrui
  • Mostrare un tono sicuro mentre si parla
  • Mantenere un buon contatto visivo
  • Sono disposti a scendere a compromessi e a negoziare con gli altri

Sono un comunicatore aggressivo?

Gli individui che comunicano in modo aggressivo spesso:

  • Usano la critica, il dominio e l’umiliazione per controllare le conversazioni
  • Parlano molto forte o in modo prepotente
  • Diventano frustrati molto facilmente
  • Sono irrispettosi verso gli altri
  • Non ascoltano gli altri/interrompono costantemente gli altri mentre parlano
  • Non sono disposti a scendere a compromessi/negoziare con gli altri

Anche se il tuo stile di comunicazione può cambiare in situazioni diverse e/o con persone diverse, è salutare sapere quando dovresti mostrare la tua assertività, per esempio. Ora che avete capito i vari stili di comunicazione, è il momento di mettere in pratica la vostra assertività con situazioni reali nella vostra vita quotidiana. Se credi di poter trarre beneficio da una maggiore comprensione della pratica dell’assertività, dell’acquisizione di abilità comunicative efficaci, o di come implementare abilità efficaci di risoluzione dei conflitti nella tua relazione, l’aiuto è facilmente accessibile e disponibile su Serenis. Puoi leggere di più sui vantaggi di lavorare con un terapeuta online di Serenis qui sotto.

coppia faccia a faccia
Fonte: unsplash.com

Pensare: “Amo tanto il mio ragazzo, ma è giusto per me? Ecco come scoprirlo:

Chiedi l’opinione della gente

Non dovresti necessariamente basare tutta la tua relazione su quello che dicono gli altri, ma le persone che ti sono vicine possono a volte dirti se la tua relazione è disfunzionale in base alla loro conoscenza di come dovrebbe essere una relazione sana in base alle loro esperienze personali.

Potrebbe essere difficile sentire un consiglio che considerate sfavorevole, ma queste persone si preoccupano per voi e, il più delle volte, vi daranno le loro opinioni oneste e imparziali. Ottenere una seconda o terza opinione è solo un altro modo per avere un’idea migliore se la persona che stai frequentando è giusta per te.

Fai attenzione quando siete insieme

Un altro modo per determinare se il tuo ragazzo è giusto per te è essere attento quando siete insieme. Per esempio, presta attenzione a come vi parlate. Come ti fanno sentire le sue parole? Litigate spesso? Cerca di scendere a compromessi o fa di tutto per renderti felice? Ti fa ridere? Pensa alla tua relazione ideale e a come vorresti che il tuo ragazzo ti trattasse. È questo?

Le persone entrano e rimangono nelle relazioni per vari motivi. Pensa ai tuoi “ingredienti di relazione”. Mancano alcuni ingredienti? Determina se sei disposta a rimanere nella tua relazione se mancano alcuni ingredienti. Siete disposti a scendere a compromessi? Ricordate che ogni relazione è diversa. Gli ingredienti della vostra relazione potrebbero non essere gli stessi di quelli dei vostri amici o dei vostri genitori, o potreste includere una variazione diversa di ingredienti per far “funzionare” la vostra relazione ideale.

Considerate questi esempi di ingredienti di relazione:

  • Felicità
  • Rispetto
  • Valore
  • Attrazione
  • Sicurezza
  • Comunicazione aperta
  • Libertà di avere amicizie/relazioni sociali al di fuori della vostra unione.

coppia che si bacia
Fonte: unsplash.com

Parlare con un terapeuta

Spesso ci rivolgiamo alla nostra famiglia, agli amici, ai colleghi o anche agli estranei per discutere di pensieri sensibili o pressanti. A volte scegliamo di tenerci tutto dentro finché non ci sembra che le nostre emozioni stiano per traboccare.

Parlare con un terapeuta è un altro modo per esplorare questi sentimenti. La ricerca mostra che la terapia online è un potente strumento per rafforzare le relazioni e può portare a tassi di successo e soddisfazione simili. Per esempio, lo studio Marriage: A Randomized Controlled Trial of the Web-Based OurRelationship Program: Effects on Relationship and Individual Functioning ha scoperto che la stragrande maggioranza del 94% dei partecipanti era soddisfatta dei servizi di relazione online, e più della metà ha fatto progressi significativi nel rafforzare le proprie relazioni.

Se non sei a tuo agio con l’idea di vedere un terapeuta di persona, Serenisè una grande alternativa che ti permette di contattare un professionista online che è ben adattato alle tue esigenze. La piattaforma virtuale di Serenis è estremamente conveniente e vi si può accedere da casa o in viaggio tramite il vostro cellulare, tablet o computer. Un terapeuta qualificato di Serenis può aiutarti a determinare se la tua relazione è sana e cosa tu e il tuo partner potete fare per rafforzarla, come ad esempio modi per migliorare il modo in cui comunicate tra di voi. I terapeuti non sono qui per giudicare le tue circostanze, ma per darti una prospettiva nuova, onesta e fresca sulla tua situazione in un ambiente sicuro.

Parla con il tuo ragazzo

Parlare al tuo ragazzo dei tuoi dubbi, se ti senti a tuo agio a farlo, è un ottimo modo per essere aperti su dove si trova la vostra relazione. Chissà, forse il tuo ragazzo si sta chiedendo le stesse cose che ti stai chiedendo tu!

Se non siete sicuri di stare bene insieme come coppia, una conversazione aperta potrebbe aiutarvi a scoprire che state meglio come amici o come separati. Queste domande potrebbero potenzialmente portarvi entrambi a impegnarvi ancora di più nella relazione. Non lo saprete mai se non parlate.

Sii onesto con te stesso

Forse il consiglio più importante elencato in questo articolo è quello di ricordarsi di essere onesti con se stessi. È più facile a dirsi che a farsi, ma hai solo una vita, e sai nel profondo se il tuo ragazzo è il ragazzo giusto per te. Se non sei sicura, allora non è giusto dargli corda.

coppia mano nella mano
Fonte: unsplash.com

È possibile che tu abbia bisogno di tempo per trovare te stessa, determinare i tuoi valori individuali, o per uscire con altre persone, e questo va bene. In caso contrario, impegnatevi a cercare di migliorare la vostra relazione, praticando una comunicazione efficace e lavorando con il vostro ragazzo per risolvere qualsiasi problema che potreste avere.

Conclusione

Ci sono diversi modi per scoprire se tu e il tuo ragazzo siete fatti l’uno per l’altra. I tuoi amici, la tua famiglia, un terapeuta e il tuo ragazzo sono tutte persone con cui puoi aprirti su questo argomento per capire se dovresti rimanere nella tua attuale relazione. In generale, dovresti essere consapevole di come ti senti quando sei con lui e seguire il tuo istinto.


Due parole sul nostro processo di revisione

I video, i post e gli articoli non possono sostituire un percorso di supporto psicologico, ma a volte rappresentano il primo o l'unico modo per interpretare un problema o uno stato d'animo. Per i contenuti del nostro blog che trattano argomenti legati a sintomi, disturbi e terapie, abbiamo deciso di introdurre un processo di revisione fondato su tre principi.

Gli articoli devono essere approfonditi

La prima stesura è fatta da uno/una psicoterapeuta con almeno 2.000 ore di esperienza clinica.

Gli articoli devono essere verificati

Dopo la prima stesura, le informazioni e le fonti vengono esaminate da un altro o da un'altra professionista.

Gli articoli devono essere chiari

L'articolo viene rivisto dal punto di vista stilistico, per agevolare la lettura e l'assimilazione dei concetti.

Revisori

reviewer

Dott. Raffaele Avico

Psicoterapeuta, psicotraumatologo e terapista certificato EMDR I

Ordine degli Psicologi del Piemonte num. 5822

Psicoterapeuta, psicotraumatologo e terapista EMDR. È membro della ESDT (European Society for Trauma and Dissociation) e socio AISTED (Associazione italiana per lo studio del trauma e della dissociazione).

reviewer

Dott. Luca Barbieri

Psicologo clinico di Milano

Ordine degli Psicologi della Lombardia num. 23251

Psicologo clinico. Ha una laurea in scienze psicologiche e una in psicologia criminologica e forense. Sta svolgendo il percorso di specializzazione in psicoterapia presso l'istituto CIPA di Milano.

reviewer

Dott. Raffaele Avico

Psicoterapeuta, psicotraumatologo e terapista certificato EMDR I

Ordine degli Psicologi del Piemonte num. 5822

Si occupa di divulgazione scientifica e comunicazione scritta e video in ambito di salute mentale, psicologia e psichiatria. E' membro della ESDT (European Society for Trauma and Dissociation) e socio AISTED (Associazione italiana per lo Studio del Trauma e della Dissociazione).